L’orribile logo Unesco delle Dolomiti

Circa un anno fa, fu indetto dalla Provincia autonoma di Trento un concorso per realizzare il marchio internazionale Dolomiti Unesco. In palio tre premi abbastanza cospicui per i primi tre classificati:

  • 30.000 euro per il primo
  • 10.000 euro per il secondo
  • 5.000 euro per il terzo

Ovviamente un concorso di così grande importanza poteva essere un banco di prova per tutti coloro che lavorano e studiano nel settore della grafica e del design. Soprattutto per gli studenti di Design poteva rappresentare un’opportunità per esprimere tutta la propria creatività e magari mettersi in mostra per il futuro professionale. Tuttavia come ci ha fatto notare un nostro amico web designer di Padova, il concorso era riservato esclusivamente a professionisti, imprese, enti/istituzioni pubblici o privati, escludendo di fatto tutti gli studenti.

A nostro avviso un enorme errore della Provincia autonoma di Trento, che in questo modo ha tolto la possibilità a giovani creativi di mettersi in mostra e magari realizzare degli elaborati di grande qualità.

Il risultato di questa scelta lo potete “ammirare” nell’immagine seguente:

http://www.urbanistica.provincia.tn.it/primopiano/pagina105.html
Non ce ne voglia Arnaldo Tranti Design di Aosta, che ha vinto il concorso, ma questo logo non sembra rappresentare in nessun modo le Dolomiti. Secondo la nostra opinione, questo logo sembra rappresentare una città ricca di grattacieli, non tanto un Patrimonio Naturale dell’Umanità Unesco.

C’è da chiedersi per quale motivo la giuria abbia fatto una scelta così assurda nel momento della valutazione delle opere di design. Tra i tanti che hanno criticato il logo vincitore vi sono anche Oliviero Toscani, uno che sicuramente non è uno sprovveduto per quanto riguarda comunicazione e Reinhold Messner, un profondo conoscitore delle Dolomiti, che sicuramente avrebbe voluto vedere un logo che rappresentasse veramente le dolomiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *