Il viaggio ayahuasca in Perù

Un mio caro amico mi ha raccontato di un viaggio che ha fatto in Perù. Sinceramente non sono molte le persone che mi dicono di essere state in questo paese del Sud America, quindi ho ascoltato molto incuriosito la sua avventura.

La meta del suo viaggio è stata scelta per la sua grande passione per l’archeologia, che l’ha portato a visitare la Valle delle Piramidi a Túcume (vedi peru.travel), e per la cultura sudamericana.

Durante la sua permanenza in Perù, ha anche soggiornato in un santuario per provare a rimediare ai suoi dolori articolari tramite un leggendario infuso sciamanico amazzonico chiamato Ayahuasca.

Cos’è l’Ayahuasca

Chi come me non ha mai sentito parlare dell’ayahuasca, riepilogo quello che mi è stato riferito e che ho potuto apprendere cercando in internet. L’ayahuasca è un infuso che è stato utilizzato nello sciamanesimo amazzonico per centinaia se non migliaia di anni. Veniva tradizionalmente impiegato nei contesti cerimoniali per accelerare la guarigione.

Il the è composto da diverse piante che si trovano nelle foreste pluviali del Sud America tra cui la vite Ayahuasca (Banisteriopsis Caapi) e Chacruna (Psychotria Viridis), e altri ingredienti scelti dal Maestro o Curandero, ovvero dello sciamano che prepara l’infuso.

L’infuso viene fatto, facendo bollire gli ingredienti e il suo gusto, a detta del mio amico, è ripugnante. Ci sono molti componenti biochimici che si trovano nel the Ayahuasca, ma il principio attivo principale è la Dimetiltriptamina, detta DMT.

La DMT si trova naturalmente in molte piante ed è prodotta naturalmente anche nel cervello mentre dormiamo. Assumere DMT non ha alcun effetto psicoattivo. Tuttavia gli antichi sciamani hanno scoperto che la DMT psicoattiva (che viene dalla Chacruna) funziona se combinata con la vite ayahuasca.

In sostanza, la miscela chimica della seconda pianta permette alla pianta psicoattiva di funzionare permettendo l’assorbimento, che di solito è impossibile a causa della nostra composizione biochimica naturale.

Ci sono migliaia di piante nella foresta pluviale amazzonica e in qualche modo, gli sciamani sono riusciti a capire la giusta combinazione per creare il the psicoattivo ayahuasca. Lo sciamano che ha incontrato il mio amico, gli ha detto che sono state le piante a svelare la ricetta. Infatti credono che le piante abbiano un’intelligenza e sono state in grado di comunicare la combinazione necessaria per creare il the.

Preparazione al viaggio dell’Ayahuasca

L’Ayahuasca non è solo un the per “sballarsi”, ma ha tutto un suo rituale che inizia dalla purificazione della persona, dal corpo, alla mente e allo spirito.

La purificazione fisica inizia con l’eliminazione del maggior numero possibile di sostanze inutili, come farmaci, alcool, caffeina, cannabis e qualsiasi altra cosa.

Il secondo passo riguarda la dieta. Fondamentalmente, è necessario evitare la carne rossa, lo zucchero, il sale e le spezie. Inoltre, questa speciale dieta include l’astinenza dal sesso e dalla masturbazione (non tanto per i processi fisiologici intorno al sesso, ma perché l’ayahuasca è gelosa).

Segue la pulizia psicologica/spirituale. Questo elemento della pulizia riguarda lo stile di vita che predilige un atteggiamento eticamente corretto in ogni situazione.

Se il corpo, la mente o l’animo non è completamente pure, l’Ayahuasca fornirà degli strumenti utili “all’epurazione”. Quelli che vengono chiamati spurghi, possono assumere molte forme. A volte si presentano come un grande sbadiglio, una risata o un pianto. Tuttavia, il tipo di epurazione più evidente sono il vomito e la diarrea.

Il mio amico (che è stato in Perù due mesi), ha iniziato il suo processo di purificazione al Santuario Spiritquest. Mi ha detto di aver mangiato una blanda combinazione di riso, pesce, verdure, radici di taro, patate per circa 10 giorni.

La Cerimonia

La cerimonia inizia naMapacho (tabacco) è arrivata prima. Il tabacco che abbiamo usato era nero naturale coltivato in Amazzonia che è completamente diverso dal tabacco usato nelle sigarette. E’ completamente organico e viene inalato in bocca solo come si fuma un sigaro.

Il tabacco gioca un ruolo importante nelle cerimonie dell’ayahuasca. Prima di tutto, viene usato come “chacaruna”, che significa semplicemente “attrezzo per il ponte”. Uno strumento ponte è qualsiasi cosa che agisce da ponte per trasferire energia nell’ayahuasca. E anche usato per calmare l’energia dell’Ayahuasca durante la cerimonia se in qualsiasi momento le cose diventano troppo intense.

Ci siamo tutti riuniti sotto un tetto di lamiera appena fuori dalla struttura principale. Qui è dove Don Rober, Doña Eliana Acho e Don Carlos Acho stavano preparando l’ayahuasca che stavamo consumando per la prossima settimana. La maestria di Don Rober nell’arte dello sciamanesimo ayahuasca è straordinaria, con oltre 50 anni di diligente pratica di guarigione nella tradizione Lamest dell’Amazzonia superiore. E’ un vero banco ayahuasquero tra i pochi che vivono oggi. Un ‘banco’ è un maestro anziano che ha padroneggiato un’arte sciamanica di altissimo livello.

Don Howard ha aperto la cerimonia invitandoci tutti a stare tranquilli e tranquilli e a sintonizzarci sul momento presente. Mi sono concentrato sul mio respiro e ho portato la mia consapevolezza nel mio corpo. Nel giro di pochi minuti sono rimasto a terra nel momento presente, cadendo dalla mia testa e nel mio cuore.

Poi ognuno di noi ha illuminato il nostro Mapacho. Ho inalato il dolce tabacco della giungla in bocca. Aveva la consistenza e la morbidezza di un sigaro di alta gamma.

Poi abbiamo iniziato a concentrarci sulle nostre intenzioni e sulla petizione all’Ayahuasca. La mia intenzione era semplice; dammi solo quello di cui ho bisogno per aiutarmi a raggiungere il mio massimo potenziale, la mia petizione iniziale era di eliminare la paura dalla mia vita.

Il mio ragionamento per chiedere l’eliminazione della paura è radicato nell’idea che la paura è ciò che causa la maggior parte delle disfunzioni negli esseri umani. Non mi riferivo all’utile paura della lotta o della fuga che ci protegge nei momenti di pericolo, più che altro alle paure intorno alla scarsità, all’ignoto e a quelle di natura esistenziale. Questo tipo di paure sono, per la maggior parte, inutili, date le mie circostanze personali.

Una volta che siamo stati chiari, abbiamo camminato individualmente sopra la pentola dell’Ayahuasca bollente e abbiamo soffiato l’ayahuasca, il santuario della spiritualquest, ey zarembasmoke nel brew per trasferire la nostra intenzione in esso, prima di vagare nella giungla e chiamare nelle sette direzioni.

Nelle pratiche sciamaniche dei nativi americani, chiameranno tipicamente nelle sei direzioni che sono nord, sud, est, est, ovest, verso la terra e verso il cielo. Lo sciamanesimo peruviano include la settima direzione, che è verso l’interno, cioè nel nostro corpo.

Mentre affrontavamo ogni direzione, inalavamo un po’ di fumo in bocca, dichiaravamo mentalmente la nostra intenzione, poi soffiavamo il fumo con la nostra intenzione infusa nella direzione in cui ci trovavamo di fronte. Abbiamo completato tre cicli in questo modo, finendo con la settima direzione soffiando il fumo nelle nostre mani e premendolo nel centro del cuore. Questo ha segnato il completamento della prima cerimonia.

Dopo di che abbiamo trascorso il pomeriggio rilassandoci intorno al centro, facendo conoscenza con la nostra tribù di esploratori dello spazio interno che trascorreranno i dieci giorni successivi insieme.

La cerimonia

Il mio amico mi ha detto che era nervoso la notte della prima cerimonia dell’ayahuasca. Perché gli avevano raccontato di persone che erano entrate nel loro inferno personale e che sperimentavano periodi di temporanea pazzia dopo aver bevuto l’infuso.

Prima della cerimonia avevano digiunato per diverse ore e preparato le loro “postazioni”. Ogni partecipante aveva preparato il proprio tappetino per stendersi in maniera più confortevole possibile e posizionato il secchio per lo “spurgo” a fianco.

Dopo aver preso confidenza con i tappetini, il gruppo si è seduto in silenzio a lume di candela. Prima dell’inizio della cerimonia, vi è stata un’arkana protettiva, che è una canzone che protegge da tutto ciò che potrebbe voler entrare nel corpo con cattive intenzioni.

La pre-cerimonia si è conclusa chiamando nelle sette direzioni (nord, est, sud, sud, ovest, terra, stelle e dentro), e fischiando un’arkana (o icaros) all’Ayahuasca nella bottiglia in attesa di essere distribuita.

I partecipanti si muovevano in senso antiorario dalla “mesa” (l’altare dove viene servita l’ayahuasca). Il mio amico ha bevuto l’infuso e l’ha descrito con un sapore acido, così l’ha sorseggiata il più velocemente possibile per poi fumare un mapacho (tabacco puro), e tornare al suo tappetino.

Ha detto che l’ayahuasca non ha avuto alcun effetto e che è rimasto fino al termine della cerimonia. La mattina seguente, si è svegliato con le articolazioni rigida e doloranti. Tuttavia con il passare delle ore e dei giorni, i suoi dolori si sono attenuati molto.

Insomma lui è convinto che l’ayahuasca abbia avuto un effetto. (Sicuramente l’ha cambiato molto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.