Quali sono le differenze tra un diamante naturale e uno sintetico?

Al giorno d’oggi si possono trovare in commercio sia diamanti naturali, sia diamanti sintetici. Il primo grande errore che si potrebbe commettere nel valutare i diamanti sintetici, è quello di definirli dei falsi.

Infatti per chi, come me, non è un esperto gemmologo, potrebbe erroneamente pensare che il diamnte sintetico sia un diamante falso. In realtà questa tipologia di diamanti ha la stessa composizione chimica e le identiche proprietà fisiche dei diamanti naturali. Questo perché per creare i diamanti sintetici vengono ricreate tutte le condizioni favorevoli alla formazione dei diamanti in natura. Ovvero garantendo temperature e pressioni molto elevate.

Perciò la prima ovvia differenza tra i diamanti naturali e quelli sintetici, è la loro origine. Quelli naturali si sono creati nel sottosuolo in seguito a fenomeni naturali, quelli sintetici invece, sono stati creati in laboratorio dopo aver ricreato le stesse condizioni che si trovano in natura.

Ci sono differenze a occhio nudo?

Se venissero posti su un tavolino un diamante naturale e uno sintetico, nessuno sarebbe in grado di definirne la sua provenienza, né un profano come me, né un esperto gemmologo.

Questo perché il diamante sintetico è un diamante vero, con le stesse caratteristiche del diamante naturale ad eccezione della sua provenienza.

Diamante naturale
Diamante naturale

Perciò indossare un diamante sintetico non è per niente sminuente rispetto a indossare un diamante naturale, anzi chi sceglie un diamante realizzato in laboratorio fa una scelta più sostenibile, perché non è necessario sfruttare il sottosuolo del nostro pianeta e nemmeno finanziare attività poco lecite che si concentrano attorno al commercio di queste pietre preziose.

Come si distingue il diamante naturale dal diamante sintetico?

Quindi, se ad occhio nudo non è possibile distiguere l’origine del diamante, come si può capire se si tratta di un diamante naturale o sintetico?

Identificare diamante sintetico

Per identificare l’origine del diamante, sono necessarie delle osservazioni al microscopio. Tramite un’accurata ispezione si possono classificare i diamanti come naturali o sintetici.

Per dirla in termini semplici, i diamanti sintetici presentano minori inclusioni rispetto a quelli di origine naturale, ovvero sono generalmente “più perfetti”, proprio grazie alla loro creazione controllata. Le inclusioni sono parte di cristalli di diamante o di un materiale esterno che si formano all’interno della pietra, che in natura è del tutto normale che si formino, mentre in laboratorio è più difficile che questo avvenga.

In conclusione

Per concludere, il diamante sintetico è un vero diamante che differisce da quello naturale solo per quanto riguarda la sua origine.

Ovviamente ottenere un diamante sintetico è più semplice rispetto a quello naturale, perciò il prezzo del primo sarà significativamente più basso rispetto al secondo.

A occhio nudo non si vede nessuna differenza, è necessaria un’accurata ispezione al microscopio per identificare l’origine del diamante. Tuttavia si consiglia di acquistare sempre diamanti che abbiano una certificazione di un ente affidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.